I giochi matematici della settimana

Ecco una selezione dei nostri giochi matematici più divertenti, che trovate ogni mese in edicola su Prisma. Le stelline a fianco del titolo indicano il livello

Diamo i numeri
33,77 miliardi
sono le visite mensili (stime di Similarweb) degli utenti a YouTube, la piattaforma con maggiore penetrazione a livello mondiale, che detiene anche il primato per il maggior tempo medio di visita (21 minuti e 27 secondi). YouTube è anche il secondo sito più visitato al mondo in assoluto, alle spalle di Google che ne è il proprietario.
10 minuti e 6 secondi
è il tempo medio di navigazione su Facebook, la seconda piattaforma social per diffusione dopo YouTube con 20,95 miliardi di sessioni mensili. Seguono Twitter e gli altri due prodotti della famiglia Facebook, Instagram e WhatsApp. Su Twitter, l’utente trascorre per ciascuna visita un tempo leggeremente maggiore rispetto a Facebook.
92,3%
è la percentuale di giovani in Italia (14-29 anni) WhatsApp. Youtube è visitato dall’82,7%, % mentre il 76,5% va su Instagram. A Facebook si rivolge il 65,7% dei giovani; il 53,5% utilizza anche Amazon. Il 41,8% usa le piattaforme per le videoconferenze, il 36,8% Spotify, il 34,5% TikTok, il 32,9% Telegram e il 24,2% Twitter.
2
sono, a titolo di curiosità, i siti per adulti presenti nella top ten dei siti più visitati del 2021. Il primo conta 2,5 miliardi di visite mensili; il secondo, invece, 2,17 miliardi.
51,4%
è la percentuale di persone anziane (65 anni e oltre) che utilizza internet, in notevole aumento rispetto al 2020 in cui si attestava al 42%. Conseguentemente, anche in questa fascia di età aumentano gli utenti dei social media, dal 36,5% al 47,7% del totale.
Previous
Next
Editoriale

di Vincenzo Mulè, Direttore Responsabile

Non capisco

Di scuola si parla poco in Italia. Di contenuti men che meno. Anche quando si ricordano i quasi 20 miliardi che il Pnrr (il Piano nazionale di ripresa e resilienza) dedica al potenziamento del sistema dell’istruzione, il discorso tende a concentrarsi sulla ristrutturazione degli edifici e sul ripensamento degli spazi fisici. Temi cruciali ma che non esauriscono affatto – l’abbiamo scritto più volte su Prisma – l’argomento scuola. Allora non capisco perché, quelle poche volte che si entra nel merito di che cosa dobbiamo insegnare a scuola, ci si debba dividere tra chi vuole maggior spazio per le discipline Stem (scienze, tecnologia, ingegneria, matematica) e chi rivendica il ruolo della cultura classica, della storia e della filosofia. Siamo tornati alle guerre di religione (culturale). Siamo arrivati a litigare sulle guerre puniche e a chiederci se è ancora necessario nel XXI secolo insegnarle e quante volte durante l’intero percorso scolastico. Come

Leggi tutto »
Controcopertina

Walter Leoni / Symmaceo Communications