Matematica, ciclismo e oro olimpico

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Nel numero di dicembre scorso PRISMA ha intervistato la ciclista italiana Vittoria Bussi che detiene il record mondiale dell’ora mondiali su pista. Vittoria è una matematica, laureatasi a Roma con una tesi in geometria algebrica; ha poi conseguito un dottorato a Oxford, seguito da una borsa post-doc all’Istituto di fisica teorica a Trieste.

Qualcuno ha cominciato a pensare che la matematica aiuta ad andare in bicicletta e più veloce degli altri. Ma è mai possibile? Quasi incredibile ma vero! La conferma è venuta dalle Olimpiadi di Tokyo dove, domenica 25 luglio, l’austriaca Anna Kiesenhofer ha vinto la gara in linea andando subito in fuga con un piccolo drappello e staccando poi tutte le altre atlete. Anna è una ricercatrice matematica e corre in bici da dilettante, senza avere al suo seguito nessun allenatore o preparatore o nutrizionista.

Trent’anni, si è laureata in matematica a Vienna, poi ha conseguito un master a Cambridge e il titolo di dottorato al Politecnico della Catalogna. Attualmente è ricercatrice all’École Polytechnique Federale di Losanna. Il suo principale tema di ricerca è costituito dalle equazioni differenziali alle derivate parziali non lineari e in particolare quelle che provengono dallo studio della fisica.

È proprio vero che … la matematica aiuta ad andare in bicicletta. Addirittura a vincere le Olimpiadi!