Comunicare la matematica

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Ci piacerebbe che il gruppo di collaboratori si arricchisse di ulteriori competenze. E voi, abbonati a Prisma e lettori del blog, siete i primi "indiziati".

Continuo a raccontarvi a che punto è Prisma e quali sono i temi, le questioni su cui si sta discutendo.

Vi dicevo della ricerca dell’equilibrio – nella rivista –  fra matematica “interna” e matematica “nel mondo”.  Mi è arrivata stamane, dai curatori, la notizia che è accessibile il sito MicheleSce.net, dedicato appunto a Michele Sce, un docente di geometria con un largo interesse verso il mondo aziendale scomparso nel 1993 che sull’urgenza di una buona e larga comunicazione della matematica aveva già idee molto nette. Mi sono ritrovata a pensare che proprio i matematici e “quelli che…” sanno di matematica sono le persone che possono aiutarci a coniugare il “dentro” e il “fuori”, il significato e la bella storia, l’attenzione ai problemi concreti e il gusto per l’avventura intellettuale.

Il direttore di Prisma, cioè la persona che costruisce il giornale, non è un matematico ed è accompagnato nell’avventura di Prisma da un gruppo di matematici: è questo – nella struttura della redazione – il nostro modo di dar vita all’equilibrio tra il dentro e fuori.

Ci piacerebbe andare avanti in questa direzione e ci piacerebbe fare in modo che il gruppo ristretto di collaboratori si arricchisse di ulteriori competenze, sempre nell’ottica del dentro e fuori.

Voi siete i primi “indiziati” per ricoprire questo ruolo di ulteriori collaboratori, di “consulenti amici” che intervengano con le loro proposte, le loro osservazioni e… il loro gusto.

Cosa ne pensate?

A presto

Simonetta Di Sieno

PS: Il sondaggio fra Prisma in brossura e Prisma spillato ha visto una sostanziale parità, con una lieve preferenza per il primo tipo di rilegatura. Quindi, a breve (poste permettendo, ma di questo vi racconto la prossima volta perché ho la speranza di darvi qualche buona notizia) riceverete il n. 5 in brossura. Una rivista più elegante ma meno smart, come qualcuno di voi ha scritto. Speriamo che tutti però ci trovino qualcosa di interessante (che è poi la cosa più importante…).  Torneremo allo spillato se dovremo pubblicare inserti da staccare: la brossura rende lo staccare quasi impossibile.